scrittidafrica

Template Joomla scaricato da Joomlashow

Habila, Helon (scheda autore)

  • Category: Schede autori e interviste
  • Martedì 03 Novembre 2009 18:30

Helon Habila è nato in Nigeria, dove ha sempre vissuto e lavorato. Da ragazzo, negli anni '70, ha vissuto nella città di Gomba, nella regione settentrionale di un paese dilaniato da una feroce guerra civile.
Infaticabile lettore sin da ragazzo, alla fine delle scuole secondarie Habila si iscrisse alla facoltà di ingegneria alla Bauchi University of Technology in Nigeria, la lasciò dopo un anno per passare al College of Arts and Science, ma presto smise del tutto di seguire i corsi. La lettura di Aspects of the Novel di E.M. Forster segnò una svolta nella sua vita, che dedicò da quel momento alla lettura e alla scrittura.
Nel 1989, il padre e il fratello minore morirono in un incidente automobilistico. Poco dopo, Habila si iscrisse nuovamente all'Università e terminò i suoi studi di inglese e letteratura nel 1995.
Per due anni, è stato lettore al Politecnico Federale di Bauchi, periodo in cui scrisse una biografia del capo della sua città natale pubblicata nel 1997, e iniziò il romanzo "Prison Stories", raccolta di storie su un giovane giornalista durante gli anni più bui del regime di Abacha.
Dopo la morte del generale Abacha nel 1998 e il ripristino della democrazia in Nigeria, Habila si trasferì a Lagos, dove trovò lavoro, dapprima scrivendo storie sentimentali per una rivista, poi come art editor al "Vanguard", il quarto maggiore quotidiano della Nigeria.
Continuò intanto a lavorare alle sue poesie e ai suoi racconti e nel 2000 ricevette due dei premi più importanti in Nigeria, il "Musical Society of Nigeria Poetry Festival Prize" per la sua poesia "Another Age" e il "Liberty Bank Prize" per il suo racconto "The Butterfly and the Artist."
Riprese anche le "Prison Stories", che ha pubblicato a sue spese con il titolo "Waiting for an Angel".
Nello stesso anno, provò ad inviare un capitolo del suo romanzo al Caine Prize for African Writing, fondato l'anno precedente in onore di Michael Caine, che è stato a lungo presidente del Booker Prize.
Habila vinse il premio e il suo romanzo è stato immediatamente acquisito dai principali editori stranieri. In Italia, è stato tradotto nel 2005 da Sartorio Editore.
Habila è entrato recentemente alla "School of English and American Studies" dell'Università inglese East Anglia, dove ha ricevuto una borsa di studio biennale per scrittori.

 

 

 Angeli dannati, traduzione di Valeria Raimondi, Sartorio Editore, Pavia, 2005

Lomba è un giovane giornalista costretto a vivere sotto il regime militare di Lagos in Nigeria, una delle città più pericolose del pianeta. Ma nonostante questo il suo cuore e la sua testa sono pieni di musica soul, di belle ragazze e della trama del romanzo che sta scrivendo. Ma le cose precipitano: il suo compagno di stanza viene arrestato dalla polizia, il suo grande amore deve sposare un uomo che non ama, e i suoi vicini stanno organizzando una sommossa. Lomba non può più nascondere la testa sotto la sabbia, sente di dover raccontare, nel suo libro, la verità. Viene arrestato e chiuso in carcere, ma nessuno può togliergli la libertà più grande, quella della scrittura. E anche se in carcere scrivere è proibito, ottiene di poter tenere un diario. Il direttore che glielo confisca capisce che Lomba è un poeta e se ne serve come di un novello Cyrano, per scrivere romantiche lettere d'amore alla sua amata. Una nuova, potente originale voce narrativa, insignita del prestigiosissimo premio Caine Prize for African Writing che segnala il migliore autore africano dell'anno.